Articoli‎ > ‎

La cartuccia da 37 Hotchkiss

L’articolo è stato preso da una rivista dell’associazione francese AFERHM che da anni porta avanti un gran bel lavoro di ricerca sul munizionamento per armi da fuoco.L’autore, che si può contattare tramite il sito “www.wehrtechnikmuseum.de”, è stato ben felice di autorizzare il riutilizzo del suo lavoro.Una traduzione letterale avrebbe tolto fluidità al lavoro. Mi sono permesso quindi di modificare l’esposizione degli argomenti, senza comunque toccarne la sostanza.

Ringraziamenti

Le informazioni di questo articolo sono state raccolte in più di dieci anni, spesso in modo casuale. C’è sicuramente ancora molto da dire sulle cartucce Hotchkiss. Qualsiasi nuovo dettaglio sarà benvenuto. Devo ringraziare per le notizie raccolte:
M. M. Adam (F) I. B. Anderhub (D) G. Bengtson (N) W. Bialas (D) F.A. Brown (GB) F. Bungert (D) C. Van Cleuvenbergen (B) J. Dethmann (D) H. Enderwitz (D) T. Groeneveld (NL) W. Van de Hek (NL) A. Irentschuk (D) G. Irving (B) F. Jakobs (D) J. C. Jansen (NL) P. Keller (D) A. Klee (RSA) W. Krist (NL) J. Lenselink (NL) J. Lippert (D) P. Mention (F) M. Michiels (NL) S. Mogel (S) P. Petrusic (D) R. Pfenning (D) R. Rack (D) W. Ramseyer-Dreier (CH) P. J. Rockfeller (USA) R. Rohr (F) F. Schouver (F) W. Scjhaltenbrand (CH) W. Steffen (CH) M. Stegmüller (D) T. Stromstad (N) H. Techel (D) A. Visser (NL) D. Walle (F).

Werner Sünkel Leinburg, giugno 1990.

Immagine:Ergb.png

Introduzione

La cartuccia da 37 Hotchkiss (37x94) è realmente quella che si può chiamare una cartuccia tuttofare. Fu utilizzata dal mondo intero e fu l’origine della maggioranza degli sviluppi in materia di armi moderne durante una cinquantina d’anni sia come munizione dei primi cannoni utilizzati dalla marina contro le navi lancia torpedini sia sulle armi da fortezza che sui primi cannoni automatici di grosso calibro, i primi anticarro, i primi pezzi di difesa contro aereomobili (DCA) e i primi armamenti pesanti su aereomobili. La lista dei paesi che l’utilizzarono è: Argentina, Austria-Ungheria, Belgio, Brasile, Cecoslovacchia, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Gran Bretagna, Italia, Giappone, Lettonia, Lituania, Olanda, Norvegia, Polonia, Portogallo, Russia, Spagna, Svizzera, Turchia, USA, e Iugoslavia. Le diversità dei modelli impiegati dalle varie nazioni, aumentano poi se si considerano, le differenze di costruzione, delle diverse produzioni locali.
L’idea di armi a fuoco rapido, si rende concreta, con efficacia, nella seconda meta dell’ottocento e si sviluppo' sostanzialmente prima della fine del secolo. Tutto quello che seguì fu conseguenza di miglioramenti che il progresso tecnologico metteva a disposizione.
La storia delle artiglierie a fuoco rapido, comincia con il cannone a revolver. L’ideatore, Benjamin Berkley Hotchkiss, nasce il 20 Gennaio 1826 a Watertown nel Connecticut. Nel 1875 fonda a Parigi una società per la fabbricazione di pezzi d'artiglieria leggera e delle loro munizioni, utilizzando i suoi brevetti. Alla sua morte, nel 1885, la compagnia diventa la Società Anonima dei Vecchi Stabilimenti Hotchkiss & Co, a S. Denis, con una filiale in Inghilterra, la Hotchkiss Ord. Compagnia LTD. Hotchkiss aveva inventato il suo cannone revolver già nel 1865 ma, fu dopo la guerra franco-prussiana del 1870/71 che quest'arma ottenne l'attenzione degli specialisti. Nel 1873 una versione in calibro 40 mm fu testata dalla Marina francese sui poligoni di Satory Bourges e Gavres al fine di migliorarne le performance. Questi test portarono alla riduzione del numero delle canne (che passarono da 6 a 5) e del calibro, che fu ridotto a 37 mm.
La forte diffusione del cannone Revolver Hotchkiss inizia in ogni caso con quella delle lancia torpedini moderne. Nel 1877, quando queste navi furono messe in servizio, tutte le marine del mondo cominciarono a cercare il modo di contrastarle, all'occorrenza, con un cannone leggero a tiro rapido. La fabbrica di S. Denis, fu costruita appunto per la produzione di cannoni revolver, a partire dal 1875. L'arma fu accettata dalla Marina francese in base alla designazione di Cannone Revolver Mod. 1877. Due anni più tardi il Ministero della Guerra acquistò 300 cannoni revolver Mod. 1879 in qualità di arma da fortezza in calibro 40 x100 R. Durante l'estate 1883, 1925 pezzi sono prodotti a S. Denis per l'esportazione in più di 20 paesi. Si trattava essenzialmente di cannoni Revolver a canna corta da 37 mm, il resto era costituito da armi da 40 mm per l'Esercito e da 47 mm per la Marina.
Dal 1884, il cannone revolver cominciò ad essere fabbricato su licenza dalla Armstrong in Inghilterra, società che lavorava già in collaborazione con Hotchkiss. Lo stesso anno, l'arma viene utilizzata nella Marina Argentina, Austro-Ungarica (in 47 mm), Cilena, Danese, Francese, Tedesca, Greca, Britannica, Olandese, Russa, Turca e Americana. Oltre al cannone revolver, Hotchkiss mise a punto dei cannoni a tiro rapido, (T.R.) fino al calibro 57 mm, per uso navale. Queste armi, in seguito, diversamente incavalcate, furono adottate dalla maggior parte degli eserciti che utilizzarono il revolver. Nel 1902 una versione ricavata dalla mitragliatrice Hotchkiss del 1894, fu proposta in calibro 37, (Cannone Automatico da 37 Hotchkiss) ma l'esperimento su abbandonato. Nel 1883 l’ingegnere Hiram Maxim costruiva a Londra, la sua famosa mitragliatrice automatica. La Società creata per la gestione dei suoi brevetti, non ottenne gran successo al suo debutto e nemmeno dopo la fusione con la compagnia Nordenfeld, che formò la Maxim Nordenfeld Guns & Ammunition Co.
Nel 1889 la casa presentò, insieme a cinque modelli di piccolo calibro, anche due mitragliatrici automatiche in 37 e 57. Il calibro 37 incamerava la cartuccia Hotckiss (37x94). Fu la commissione tedesca di prova delle armi portatili di Spandau che sperimentò, nel 1889 e durante i tre anni successivi, numerose mitragliatrici Maxim. I risultati di quelle esperienze portarono le prime commesse.

Con l'invenzione della mitragliatrice automatica di Hiram S. Maxim che sostituiva i vecchi modelli a mano, o a motore, la storia delle grandi invenzioni delle artiglierie multi-canna si è fermata. Al momento della comparsa delle prime mitragliatrici automatiche, il cannone revolver era stato impiegato da meno di 20 anni senza aver ricevuto il battesimo del fuoco, sorte che non condivise la mitragliatrice Maxim che, nelle numerose guerre coloniali in India e Africa del Sud, fu battezzata “pom-pom”, per ragioni che sono facili da comprendere... In Inghilterra bisognò aspettare la trasformazione della Maxim Nordenfeld Guns & Ammunition Co. in Vickers Sons & Maxim nel 1897 per veder arrivare i primi ordini importanti. Dal 1899 al 1902 Vickers propone la mitragliatrice Maxim all’esercito britannico per l'Africa australe mentre, la Deutsche Waffen und Munitionesfabriken, rifornisce i boeri. Verso il 1900, la maggior parte delle marine mondiali cominciò a rimpiazzare i suoi cannoni revolver, con il “pom-pom” che si era fatto una reputazione durante la guerra dei boeri. Durante la prima guerra mondiale, la maggior parte di queste armi fu utilizzata per la difesa costiera e con le unità della marina anche a terra. Più tardi si potrà ritrovare come arma di difesa antiaerea, avendo, per la prima volta in uso, delle munizioni di grosso calibro anche traccianti.

Francia

La Marina francese fu tra le prime ad adottare il Revolver. Agli inizi del ‘900 i cataloghi della "Manufrance" proponevano un cannone leggero a tiro rapido (Revolver) in calibro 37, su dieci differenti modelli di affusto. Nel catalogo del 1913 sono riportati i prezzi delle munizioni.

  • 10 Fr. cartuccia con proietto in ghisa
  • 13 Fr. cartuccia con proietto in acciaio e spoletta sul fondello
  • 9 Fr. cartuccia a mitraglia

Nel 1915 la guerra di trincea portò la Francia ad adottare il cannone da 37 Mod.1916 T. R.. L'arma possedeva un sistema per il rinculo, ed era prodotta dall'Atelier de Costrution de Puteaux (A.Px). Nel 1917, quando gli Stati Uniti entrarono in guerra, accettarono 621 di questi cannoni. Solamente nel 1918, furono costruiti 1200 pezzi. Quest'arma fu adottata anche dalla Gran Bretagna e dal Belgio, mentre la Germania impiegò i pezzi catturati.
Esistono diverse versioni del cannone da 37 Mod. 1916 T.R.

  • 37 S.A. Mod.1917
  • 37 S.A. Mod.1918 per il carro Renault utilizzato in grande scala o provato anche dal Belgio, il Brasile, la Finlandia, il Giappone, la Lettonia, la Lituania, la Polonia, la Russia, la Svizzera, la Cecoslovacchia, e gli USA.
  • 37 S.A. Mod.1918/1937 per i carri armati più moderni.

Proiettili.

  • F01.1 Proiettile in ghisa con spoletta all'ogiva. Corona da 30 mm solcata alla base per la crimpatura.
  • F01.2 Proiettile in ghisa inerte. Falsa spoletta in acciaio. Senza solcatura per il crimpaggio.
  • F01.3 Proiettile in ghisa inerte. Falsa ogiva/spoletta in ottone, solcata alla base.
  • F02.1 Proiettile in acciaio con spoletta sul fondello con ogiva indurita. Corona di 30 mm in ottone.
  • F02.2
  • F03.1 Proiettile in ghisa mod. 1888 e proiettile ordinario nuovo mod. (proiettile esplosivo 1886?) Spoletta nel fondello con filettatura autobloccante (introdotto con D.M. del 13/03/1988) - Conosciuto in Germania come "3,7 cm Sprg.Patr.Üb. 161/1 (f)" con spoletta a percussione sistema Demarest.Questo modello é stato costruito in grandi quantità da numerosi stabilimenti e di varie caratteristiche. Lunghezza del proiettile senza spoletta da 87 a 94,4 mm - peso 455 g - carico di 22 g di polvere nera. La carica propulsiva era di 3,75 g di balistite e normalmente non era dipinto.
  • F03.2 Proiettile in ghisa mod. 1888 parzialmente zavorrato. "3,7 cm Sprg.Patr.Üb. 161/2(f)" inerte ma contenente tuttavia una piccola carica di polvere nera.fascia blu tra le due corone
  • F03.3 Proiettile in ghisa inerte pieno "3,7 cm Sprg.Patr.Üb. 161/3 (f)" fasce bianche tra e al di sotto delle due corone.
  • F03.4 Proiettile ghisa Mod. 1888 per uso contro aereomobili con spoletta extra sensibile E.S. Mod.1918s
  • F04.1 Proiettile in acciaio Mod.1916 con spoletta a bocchino anteriore Mod.1899-1908. In acciaio fuso con o senza solcatura alla base caricato con 30 gr. di melinite.Lungo 105,2mm o 107,8 mm. Peso totale 560 gr.non dipinto il detonatore ha la filettatura a sinistra.
  • F04.2 Proiettile in acciaio Mod. 1916 con spoletta a bocchino anteriore ,parzialmente zavorrato "3,7 cm Sprg.Patr.Üb. 163 (f) TP ". Piccola carica di polvere nera Dipinti in nero con una fascia blu.
  • F04.3 Proiettile in acciaio Mod. 1916 con spoletta a bocchino anteriore Zavorrato inerte "3,7 cm Sprg.Patr.Üb. 165 (f)" Dipinto in nero con fasce bianche tra e sotto le due corone. Spoletta avvitata.
  • F05.1 Proiettile esplosivo in acciaio Mod. 1916 con spoletta a bocchino anteriore a piolo G Mod.18 "3,7 cm Sprg.Patr.Üb. 167 (f)" é dotato di tre chiavistelli di sicurezza centrifughi. Lunghezza 103,5 - 106,5 peso 555 gr. Caricato con 30 gr. di melinite. Dipinto in giallo con una lettera G sulla spoletta.
  • F05.2 Proiettile d'esercizio parzialmente zavorrato in acciaio Mod. 1916 con spoletta a bocchino anteriore a piolo G Mod.18 TP.Dipinto in nero con una fascia blu.
  • F05.3 Proiettile zavorrato in acciaio Mod. 1916 con spoletta a bocchino anteriore a piolo G Mod.18 TP.Inerte dipinto in nero con una fascia bianca.
  • F06 Proiettile esplosivo Mod. 1918 in acciaio tipo D( esclusivamente per il cannone da 37 mm Mod.1916 T.R. ) Spoletta abp E.S. Mod. 18-S o Spoletta aba R.S.A. Mod. 33. Peso 48 gr. (spoletta aba) o 680 gr. (spoletta abp) Dipinto in giallo il bottone che chiudeva il bocchino posteriore poteva essere sostituito con un tracciatore o una spoletta. Il detonatore dell' ogiva è in questi casi inerte.
  • F07 Proiettile esplosivo Mod. 1937 con spoletta R.S.A. Mod. 37 Caricato con melinite. La data di messa in servizio non è conosciuta con precisione.
  • F08.1 Proiettile a frammentazione Mod. 1892 M con spoletta abp M Mod. 1886.In acciaio fuso da usarsi contro obbiettivi mediamente protetti. Peso 500 gr. carica di 15 gr. di polvere nera F3.
  • F08.12 Proiettile a frammentazione Mod. 1892-1924 "3,7 cm Sprg.Patr.Üb. 148 O (f)" con spoletta abp Mod.1930. Lungo 94,5-95 mm caricato con 20 gr. di balistite o di 33,5 gr di polvere B37 non dipinto.
  • F08.3 Proiettile a frammentazione 1922-24 variante senza spoletta. Il bottone che chiude il fondello ha due fori in diagonale per ragioni sconosciute.
  • F09.1 Proiettile ogivale in acciaio Mod. 1916"3,7 cm Sprg.Patr.Üb. 162 (f)" Proiettile accorciato a 78,7 - 83 mm del peso di 510 gr. Impiegato durante la Grande Guerra contro obiettivi leggermente blindati.
  • F10 Proiettile perforante Mod. 1935 "3,7 cm Sprg.Patr.Üb. 150 (f)" Proiettile in lega d'acciaio al tungsteno per uso controcarro. Cappuccio balistico in magnesio che produce un flash all'impatto per Questo proiettile fu dipinto in nero ed ingrassato per evitare la corrosione. Lunghezza 88 mm peso 390 gr.
  • F11 Proiettile perforante Mod. 37 "3,7 cm Sprg.Patr.Üb. 154 (f)" identico al precedente con il cappuccio in acciaio dipinto in nero e ingrassato lunghezza 81 mm.
  • F12.1 Mitraglia Mod. 1908 3,7 cm Kt.Patr.169 (f), contenente 19 biglie di piombo trattenute da segatura e un fondello di ghisa di 4 mm - lunghezza della cartuccia 167 mm - peso del proiettile 550 gr.
  • F12.2 Mitraglia Mod. 1918 3,7 cm Kt.Patr. 168 (f), similare salvo la lunghezza totale di 187 mm e il peso del proiettile di 620 gr.
  • F13 Proiettile di istruzione in ghisa a tiro ridotto (P.R.) - 3,7 cm Gussgr. Üb. 160 (f) - proiettile d'esercizio di costruzione speciale per evitare rimbalzi. Portata limitata a causa del profilo - Lunghezza 79 mm per un peso di 555 gr.
  • F14 Cartuccia riduttore con corpo di ebanite- Canna interna calibrata per la munizione del 11 x 49 R Grass Scolaire. Fabbricata dalla Manufacture D'Arms et Cicles di Saint Etienne per la Marina. Peso della cartuccia riduttrice 600 gr. - Lunghezza 168,8 mm - Canna a 7 rigature destrose su 107 mm.
  • F15 Cartuccia riduttrice tipo Se-Mas 1935 per cartuccia a percussione anulare da 22. La parte superiore porta la canna riduttrice e avvitata alla base il dispositivo di percussione decentrato. Lunghezza totale 206,2 mm - peso 850 gr. - lunghezza della canna 190,4 mm.
  • F16 Cartuccia a salve E.F. In un regolamento del 13/01/23 é menzionato tale munizione caricata con 36 gr. di polvere e chiusa con un bottone di cartone e segatura di legno.
  • F17 Cartuccia a salve M. C. 30 Da una nota del 11/07/23 é descritta un'altra munizione caricata con 70 gr. di polvere nera.
  • F18 Cartuccia per tiro fittizio - Nessun dettaglio.
  • F19.1 Falsa cartuccia in legno tornito con base e ogiva in lamiera (coll. Anderhub)
  • F19.2 Falsa cartuccia in legno massiccio tornito che sembra provenire da una serie di campioni. Il falso proiettile é giallo e ha la punta nera e 2 fasce che gli danno l'aspetto di un esplosivo ( D.Walle )
  • F20 Proiettile porta messaggio (B.L.M.) Bourguignon - Laroze - Moulin - Impiegato in questo ruolo durante la Grande Guerra in caso in cui le comunicazioni fossero impossibili nei modi usuali. Il contenitore porta messaggio é dipinto in blu-verde e rosso. Una spoletta a tempo speciale attiva una piccola carica fumogena. Il proiettile è lungo 133 mm.
  • F21 Proiettile di prova utilizzato per saggiare le nuove armi.

I bossoli

I primi bossoli da 37x94,5, furono fabbricati secondo il sistema Boxer. Erano costruiti con un calice di lamiera di ottone arrotolata. La base era rinforza esternamente con un fondello di ferro, fissato al calice con tre rivetti. Si distinguono di conseguenza:

  • Mod. 1885 con innesco della Marina n°3 ( nota 02/01/1894)
  • Mod. 1931- Patronenhülse 144/11 (f) con innesco
  • Mod. 1937 con porta innesco Mod.1933,- Patronenhülse 144/12 (f) con innesco 501 (f)

In seguito furono prodotti con l’attuale tecnologia.
Marcature sui bossoli. Molte informazioni si possono desumere dai marchi del fondello ma si possono trovare anche altri simboli, indicanti gli stadi fabbricazione o controlli. Si possono trovare per esempio, assieme all'anno 1914 -1916 le lettere G, H o L cerchiate con uno o due cerchi. Il loro significato e quello di molti altri riferimenti resta sconosciuto. Durante la prima guerra mondiale i marchi riportano il lotto il mese e l’anno. Sembra che quelli che dichiarano l’anno siano prodotti in conseguenza di contratti di stato, ipotesi supportata dal fatto che non siano indicati i millesimi del 1915. I primi contratti (ottobre -dicembre 1914) sono per le mitragliatrici Maxim della Marina. A partire dalla messa in servizio del cannone da trincea Mod.1916 il bisogno di munizioni accrebbe. Interessante è l’aumento del numero dei lotti sui marchi ritrovati. Nel 1914/15 non si trovano che 84 lotti, più un supplemento di 10. L’anno 1916 portò alla fornitura di 235 lotti, più 295 addizionali. Può darsi a causa dell’introduzione dei carri armati i successivi contratti arrivarono a 386 e 445 lotti nel 1917. Nel 1917 la produzione raggiunse per l’appunto il massimo. Nel 18 le nuove comande non sembra che arrivassero al migliaio dell’anno precedente. La guerra volgeva al termine.
Alla fine della prima guerra mondiale una considerevole quantità di munizioni era nei depositi e apparve quindi inutile fabbricarne altre, e questo per diversi anni. Per le prove di nuovi proiettili e il rifacimento delle munizioni, si impiegarono i vecchi componenti, comprese le capsule. Questa situazione perdurò fino alla seconda guerra mondiale, o metà degli anni trenta, prima che si riprendesse la produzione con i nuovi modelli di bossolo. La lista che segue tratta di informazioni su proiettili montati sui loro bossoli che possono anche non essere d’origine. Per tutte le nomenclature riguardanti i bossoli in questo articolo si terra presente che: la parte costante è indicata in grassetto e per le marcature multiple il resto del testo è indicata con “più”. Il testo tra parentesi è la descrizione del proiettile corrispondente al marchio che lo precede.

  • LOT 191 1885-3 (Bossolo boxer base imbottita)
  • HOTCHKISS PARIS O (proiettile in ghisa e d’acciaio)
  • HOTCHKISS PARIS 7 1895 78 195
  • 10 1895 HOTCHKISS PARIS 7.92-7.95
  • HOTCHKISS PARIS 1915
  • S.F.M. GG
  • Dy-87 LOT N23, Dy-88 LOT N51, Dy-89 LOT N8, Dy-89 LOT N9 T 1 90 B, Dy-90 LOT N17,
  • LOT.40 Px 85 più T 86 4 R, T 3 90 B, 2 97 B,
  • LOT.9 Px 91 8, LOT 13 P x 93 (proiettile in ghisa mod.1888), LOT.22 P x 92 T5 97 B , LOT.29 P x 92 ( proiettile in ghisa mod.1888), LOT.36 Px 92
  • LPT.DY 90 LOT N17, LPT.DY 96 LOT N5 (palla ogivale d’acciaio Mod.16)
  • Ste Fse Mons più 90 LOT 1 (palla ogivale in acciaio mod.16), 92 LOT 3, 93 LOT 11, 97 LOT 1, 98 LOT 9.
  • C.R. Mle 1879 A.Px.07
  • 37.Rr.et.TR più A.PX.009 (colpo mitraglia Mod.1908), A.PX.10 (colpo mitraglia mod.1908), A.PX.11 (colpo mitraglia Mod. 1908).
  • 37-85 PD Ps 4.10.14 più 4, 13, 14 G, 17, 23 G, 26, 28 H, 31H, (proiettile in ghisa Mod.1888), 33 H (palla ogivale in acciaio Mod.16), 36G, 36 L, 41 H, 43, 49 G, 51 H (proiettile in ghisa Mod.1888), 52G (colpo a mitraglia Mod. 1908), 62L, 63 L (proiettile in ghisa Mod. 1888), 64, 65, 65 L, 68, 70 G, 74, 80 G, 84 (proiettile esplosivo Mod. 1916).
  • 37-85 PD Ps 9.12.14 più 9 G, 10 H (proiettile in ghisa mod. 1888)
  • 37-85 PD Ps 36.2.16 più 36 L, 54, 61 L, (proiettile in ghisa Mod.1888), 63 (palla ogivale in acciaio Mod.16), 63 L, (proiettile in ghisa Mod. 1888), 67 L, 68 L (proiettile esplosivo Mod. 16), 85, 95, (proiettile in ghisa Mod. 1888), 103 (proiettile esplosivo in acciaio Mod.16), 109, 112, 117, 125, (palla ogivale in acciaio Mod.16), 132 (proiettile in ghisa Mod.1888), 135, 137 (proiettile in ghisa Mod.1888), 151 (proiettile in ghisa Mod.1888), 161 (proiettile a frammentazione Mod. 1892-1924), 178, 187, 189, 191 (proiettile in ghisa Mod.1888), 205, 216, (proiettile in ghisa Mod.1888), 224, 228, 234, 235.
  • 37-85 PD Ps 2.9.16 più 2, 4, 11, 17, 19, 22, 28, 35, 36, 43 (proiettile esplosivo in acciaio Mod. 16), 52, 55 (proiettile a frammentazione Mod. 1892-1924), 56, 67, 73, 76, 81, 82 (palla ogivale in acciaio Mod. 16), 85, 93, 106, 107 (palla ogivale in acciaio Mod.16), 109, 124, 125, 126, 140, (proiettile in ghisa Mod.1888), 148, 166, 180, 193, 198, 215, 217, 218, 227, 230, 238, 254, 258 (proiettile in ghisa Mod.1888), 259, 263, 266 (proiettile in ghisa Mod.1888), 267, 274, 276 (proiettile esplosivo Mod.16), 286, 288, 288 (proiettile in ghisa Mod.1888), 294, 295.

37-85 PD Ps 6.1.17 più 6, 7, 22, 25, 32, 35 (proiettile esplosivo in acciaio Mod.1916), 43 (palla d’istrizione in ghisa), 46, 52, 66 (proiettile in ghisa Mod.1888), 75, 77, 82, 104 MS (innesco lungo), 117 (proiettile in ghisa Mod.1888), 122, 128, 139, 142, 143, 148, 169, 175, 182 (proiettile in acciaio esplosivo Mod. 1916), 182 EP (innesco lungo), 183, 188, 191, 192, (proiettile in ghisa Mod.1888), 197, 203, (palla ogivale in acciaio Mod.16), 205, 228, 238 EP (innesco lungo), 242, 260, 278, 310 (proiettile esplosivo in acciaio Mod.1916), 311, 329, 377, 386.

  • 37-85 PD Ps 9.9.17 più 9, 13 EP, 20 (proiettile in ghisa Mod.1888), 29 EP, 44, 45, 62 (proiettile in ghisa Mod.1888), 139, 193, (palla ogivale d’acciaio Mod.16), 206, 254, 267, 268, 280, 283, ECP, 296, 361, 362, 370, 371 EP( colpo mitraglia Mod.1908), 375 (proiettile in ghisa Mod.1888), 377, 386, 396, 405, 445 MS L.F.
  • 37-85 PD Ps 9.1.18 più 9, 16, 17, 22, 26, 32, 45 (proiettile in ghisa Mod.1888), 85, 127, 142, 150, 153, 162, 175, 179, 181 (proiettile in ghisa Mod.1888), 233, 252, (proiettile in ghisa Mod.1888), 266, 275, 278, 286, 300 M.S., 324 81.36 (punzonata BT-31.511-36 o BAL-5-6-32 RP, proiettile perforante Mod.1935), 385 (proiettile in ghisa Mod.1888).
  • 37-85 PD Ps 47.4.18 più 47, 121, 171, 213 82.86 (punzonata BT-1.5.11-36 o BAL-5-6-32 RP), 254, 259, 281 EP (proiettile esplosivo in acciaio Mod.1916 con spoletta aba a chiavistello G Mod.18), 283 ECP, 341, 386.
  • 37-31 37 N C.3L, 37-31 36 BD C.7L
  • 37-37 CA L2 39N, 37-37 CA 2L 40N (proiettile perforante Mod.1937)
  • 37-37 ATE 29L 39 (innesco DBS 125 38 e proiettile perforante Mod.1935)
  • 37-37 ATE 33 L40
  • 37-37 PDP 241.40 D (innesco DBS197 40 e proiettile perforante Mod. 1937)

Abbreviazioni
AMS Atelier de Chargement de Moulins
ATE Atelier de construction de Toulouse
C.R. Cannone revolver
ECP Ecole centrale de Pyrotechnie, Bourges
PD Ps Parc d’Artillerie de Paris
Px Atelier de Puteaux
SFM Société Française de Munitions
T Pyrotechnie Maritime de Toulon
APX Atelier de Construction de Puteaux
BT Thomson- Houston, Dépt. Hotchkiss-Brandt
EP Etoupille prolongée
L Pyrotechnie Maritime da Lorient
PDP Parc d’Artillerie de Place de Paris
Rr Revolver
Ste Fse Mons Société Française de Munitions
TR Tir Rapid

Germania

  • 3,7 cm Rev.K. Cannone Revolver Hotckiss

Verso il 1880 la società Gruson di Magdegbourg, cominciò la produzione di cannoni revolver (3,7 cm Rev.K.) su licenza, per la Marina e l'Esercito. Il munizionamento fu probabilmente importato, nonostante già nel 1883 la Metallpatronenfabrik Lorenz di Karlsruhe, fabbricasse cartucce da 3,7 per cannone revolver. Nel 1880 la commissione prussiana dei materiali (Artillerie - Prüfungskommission), testò un cannone revolver Hotchkiss per la difesa ravvicinata delle fortificazioni. In seguito al successo delle esperienze, l'arma fu adottata come cannone da fortezza a partire dal 1884-85.

  • Mitragliatrice Maxim da 3,7 cm (3,7cm Masch.K.- Pom-Pom)

La commissione tedesca di prova delle armi portatili di Spandau (Cewerhr-Prüfungskommission) sperimentò nel 1889 e durante i tre anni successivi, numerose mitragliatrici Maxim. Dopo l’intervento del Kaiser Guglielmo II, nel 1894, la società Loewe di Martinikenfeld presso Berlino, ottiene un contratto per la fabbricazione sotto licenza di una mitragliatrice camerante la cartuccia del fucile Mod. 1888 e poi, più tardi ripresa dalla Deutsche Waffen und MunitionsFabriken (DWM), d’una versione in calibro 3,7 cm. La DWM fu fondata il 4 novembre del 1896 a partire dalla Deutsch Metallpatronenfabrik di Karlsruhe e reinstallata a Berlino. L’officina di Berlino fu la principale produttrice di mitragliatrici Maxim.

  • 3,7 cm Gruson a tiro rapido L/23 e L/30

Come in Francia i tedeschi utilizzarono molti modelli di armi a tiro rapido, sia per l’esercito che per la marina. Gruson produsse cannoni a tiro rapido, con l’otturatore a translazione verticale, non solamente in 53 mm ma anche per la cartuccia da 37 mm Hotchkiss.

  • 3,7 cm O.F. a tiro rapido C/97

L’esistenza di quest’arma è confermata ma di essa non si conosce nulla.

  • 3,7 cm AbKommkanone L/20

Dispositivo di sottocalibratura per i tiri ridotti utilizzato con i cannoni da marina. Il più piccolo che fu utilizzato impiegava la cartuccia perforante tracciante del cannone da 3,7 cm Rev.K.

  • Cannoni da trincea 1914-1918

Di fronte alla nuova situazione creatasi con la guerra i trincea, furono approntate un certo numero di soluzioni di fortuna. Più tardi, con la comparsa degli aerei e dei carri da combattimento, queste soluzioni di fortuna furono riviste. All’inizio del conflitto Krupp fabbricò 180 pezzi da trincea piuttosto primitivi, utilizzando le canne dei cannoni revolver smontanti, un otturatore a baionetta e un sistema di grilletto riarmabile. Montati su affusti rudimentali, derivati da elementi di cannoni di preda bellica francese; il loro utilizzo ebbe un esito relativo.
Una ventina di canne del 37 cannone revolver furono montate anche, sull’affusto del mortaio leggero da 76 mm. Fu disegnato anche un proiettile di più grosso calibro, del peso di 6,5 kg. con una carica di 1,89 kg.
Si trovano ugualmente:

  • 3,7 cm Kanone Modell Krupp
    risultante dall’installazione di una canna da 3,7 cm su di un affusto speciale a grandi ruote detto “Flachbahnlafette del L.M.W.” destinato a tiri con traiettoria bassa e tesa controcarro.
  • 3,7 cm Kanone in Flachbahnlafette
    del L.M.W con Rüdern-Reinmetall con la canna da 3,7 cm inserita nel mortaio leggero su ruote “Reinmetall” e utilizzante l’affusto specifico.
  • 3,7 cm Kanone in Flachbahnlafette
    del L.M.W con Unterlageblech-Reinmetall. Praticamente identico al precedente ma appoggiato su una placca e non su ruote.
  • 3,7 cm Kanone in starrer Rüderlafette-Reinmetall
    che ha la canna da 3,7 cm montata su affusto senza rinculo, costruito con una squadra di ferro e ruote di legno. Il servente sedeva sull’affusto. L’otturatore e lo stesso dei cannoni da trincea.

Dopo le prove di questo materiale al poligono di Kummersdorf, l’ultimo di questi sopra elencati, fu scelto e alla fine della guerra, 600 di queste armi erano state distribuite alla truppa.

  • 3,7 Fischer Kanone.

Un pò più complicato il cannone Fischer nel quale, al tiro, la canna non rincula ma avanza (Rohrvorlaufgeschütz). Possedeva un otturatore automatico e impiegava una bocca da fuoco di un cannone revolver L/21,5 montata su un affusto francese a treppiede de Puteaux catturato (il peso totale dell’arma non era che di 78 kg). Introdotto in servizio nel 1918, i primi modelli di serie erano attesi per il gennaio del 1919.
Alla fine della guerra nel 1918, un mortaio leggero da 7,5 cm era in prova installato su un affusto a cassa e una canna di 3,7 cm poteva esservi attaccata. All’inizio furono utilizzati proiettili francesi e poi si resero disponibili modelli traccianti.
Cannoni antiaerei
La mancanza di cannoni per difesa contro aerei divenne evidente nel 1915. Le truppe desideravano una mitragliatrice pesante capace di tirare proiettili traccianti. In ragione dell’urgenza, non potevano essere disegnate nuove armi e ci si accontentò dei materiali che erano sottomano. La Marina donò 50 mitragliatrici Maxim che furono montate dalle officine Krupp su due modelli di affusto differenti (a ruote o trasportabile) e distribuiti a partire da settembre 1915.

  • 3,7 cm Maschinenkanone auf Rüderlafette-Krupp,

utilizzato su un vecchio affusto da campagna da 9 cm. Alimentato da un nastro di 50 cartucce contenuto in una cassetta, in seguito rimpiazzata da un tamburo con 100 colpi.

  • 3,7 cm MaschinenKanone auf fahrbarer Bettung-Krupp.

Montato su di una piattaforma mobile che gli conferiva un altezza superiore di 25 cm rispetto al precedente. Si pensa che tutte queste armi utilizzate per la difesa contro aerei, utilizzassero un proiettile navale modificato che aveva la spoletta nel fondello (costituito da un disco di zinco) e la corona di centraggio stretta. La carica esplosiva era stata rimpiazzata da una composizione tracciante. Esistono tre modelli di proiettile traccianti differenti, tutti rimpiazzati in seguito da quello definitivo.

  • 3,7 cm Sockelflak L/14,5

Bisogna menzionare anche il “Sockelflak” destinato ad armare all'origine gli Zeppelin. Il bossolo di questi proiettili era più lungo (101 mm) e presentava alla base una gola per dar presa all’estrattore (rimled). Quest’arma, unica nel suo genere, aveva l’otturatore a ginocchiello ed era montato su un affusto molto leggero di tubi di acciaio. Il primo “Sockelflak” fu messo in servizio nel dicembre 1917 il che corrisponde con i primi marchi conosciuti. Quando anche i “Sockelflak” non furono più sufficienti, si fece ricorso ai cannone revolver da fortezza.
Questi i marchi presenti sui bossoli utilizzati:

  • PATRONENFABRIK (bomba) KARLSRUHE (bomba) 1917 917, 1918 917 (con l’innesco kp.218)
  • K1 JUNI 1918 sp 255 917, K2 JUNI 1918, K4 JUNI 1918

Proiettili.

  • D01 Proiettile con camicia di piombo e due cinture, simile ai proiettili d’artiglieria prima del 1880, che porta una spoletta a percussione semplice. (D. Walle)
  • D02.1 (Gr.) Proiettile a polvere nera con due cinture l’inferiore larga 16 mm solcato alla base. Spoletta tipo Demarest 3,7 cm Gr.Z caricata con 23 gr. di polvere nera (Gew. P. M/71). Dipinto di nero.
  • D02.2 Proiettile d’esercizio con due cinture (inferiore larga 16 mm) e senza solcatura alla base. Falsa ogiva in materiali e forme differenti.
  • D03 Proiettile Gruson a polvere nera con la tipica ogiva mozza. Cintura unica e larga. tre solcature per il grimpaggio.
  • D04.1 Gr. Proiettile a povere nera e spoletta Demarest (3,7 cm Gr.Z) due cinture e una solcatura.
  • D04.2 Gr. Proiettile di esercizio solcato. Falsa ogiva di differente forma e materiali.
  • D05.1 Proiettile a polvere nera e spoletta Demarest (3,7 cm Gr. Z.) due cinture l’inferiore larga 16 mm con solcatura.
  • D05.2 Versione di esercizio del precedente, con impressa nella porzione superire una freccia indicante il proiettile inerte, falsa ogiva in zinco. Numerosi di questi esemplari furono in seguito montati come soprammobili (portasigarette o fermacarte)
  • D05.3 Proiettile d’esercizio identico al precedente. Modificato per ricevere il riempimento una composizione tracciante e un bottone filettato.
  • D06 Proiettile abp, due cinture (l’inferiore larga 16 mm) con solcatura. Questa versione conosciuta
  • D07.1 Proiettile abp, una sola cintura stretta. Solamente sul proiettile modificato in tracciatore.
  • D07.2 L.S. Gesch. Proiettile tracciante, a volte ottenuto a partire dal proiettile abp della Marina modificato a volte costruito d’origine. La traccia verde é data da un miscuglio di nitrato di bario e di magnesio impa stati con un legante. E’ attivata da un accenditore a polvere nera piazzato in un bottone di ottone al centro del fondello. Il proiettile è lungo dai 93,5 ai 94 mm e può essere dipinto in nero o in verde.
  • D08 Proiettile esplosivo a cintura larga 12 mm. Fondello avviatato con passo da 21 mm con due fori utili al serraggio. Spoletta a percussione (Z.f.3,7cm Sprgr.) Carica esplosiva di 36 gr. di TNT dipinto in grigio. Carica di lancio di 18 gr. di W.P. (1/2) per il cannone revolver o 21,5 gr. per il cannone da trincea.
  • D09.1 3,7 cmKt.a/A. Colpo a mitraglia vecchio modello. Contenitore in rame con tre parti saldate e l’ogiva arrotondata, le pallette sono cementate con acetato di sodio. Peso 470gr.
  • D09.2 3,7 cm Kt. nuovo modello contenente 18 palle di piombo e trepezzi di riempimento, il tutto bloccato da un miscuglio di gesso e catrame. Disco di protezione in rame. Peso 510 gr.
  • D10.1 3,7 cm Abk.Patr.L/2,5 con 3,7 cm üb Gr L/2,5 . Proiettile per cartucce da tiro ridotto su cannoni di grosso calibro. Peso 470 gr. caricato con TNT Spoletta KZ32 per 3,7 cm.
  • D10.2 3,7 cm Abk.Patr.L/2,5 con 3,7 cm üb Gr L/2,5 Versione inerte del precedente con falsa ogiva Ersst 32 o Ersst 32 st.
  • D10.3 3,7 cm Abk.Patr.L/2,5 con 3,7 cm üb Gr L’ spur L/2,5. Versione tracciante del precedente.
  • D11.1 3,7 cm Pl.Patr, Cartucce a salve con il proiettile di legno (abete) Caricato a partire dal bossolo con cariche di qualità inferiore. Marcato con le lettere rosse P1. P.
  • D11.2 Altro modello di cartuccia a salve con il proiettile completamente disintegrabile nel tiro.
  • D12.1 Falsa cartuccia nella maggior parte dei casi ottenuta a partire da bossoli sacrtati. con il proiettile riempito di materiale inerte, Punta dipinta in bianco, lettere “Ex” dipinte in bianco sul corpo del proietto. Riempito con 70 gr. di ghiaia sabbia o segatura di legno.Fiassata sul bossolo con quattro viti. Il bosso lo è inoltre marcato Ex.P.
  • D12.2 Altro modello bossolo scanalato. Falso proiettile fatto con un foglio d’ottone.
  • D12.3 Variante con il bossolo e falso proiettile scanalato.
  • D12.4 Modello in legno tornito con la base e la punta dell’ogiva rinforzate in ottone.

Marcature sui bossoli.
Lo studio delle diverse marcature permette di definire l’età dei principali periodi di produzione.

  • 1. La Deutsche Metallpatronenfabrik Lorenz fu fondata il 22 giugno 1878 a Karlsruhe. Cominciò a produrre bossoli da 37 per il cannone revolvere della Marina a partire dal 1883, fino al principio del 1888. Lorenz vendette l’officina a Ludwig Loewe & Co. nel 1889. Quello stesso anno la Deutsche Metallpatronenfabrik di Loewe, la Pulverfabrik Rottweil-Hamburg e Vereinigte Rheinisch-Westfalischenpulverfabriken, presero il totale controllo delle installazioni di Karlsruhe.
  • 2. Durante la metà del del 1887 e all’inizio del 1889 l’Artilleriewerkstatt Spandau (AWS) stabilimento governativo, consegnò circa 40 lotti di munizioni da 37 mm.
  • 3. La produzione riporese a Karlsruhe nel 1890. I bossoli sono marcati solamente con il mese e l’anno. E possibile che l’insieme della produzione fosse destinata all’esportazione. (tra il 1883 e il 1900 si notano numerose consegne all’Olanda)
  • 4. Il 10 novembre 1896 Deutsche Metallpatronenfabrik viene rinominata DWM o Deutsche Waffen und Munitionesfabriken. A partire dal 1897, tutte le marcature incorporano il logo della firma, due piccole “bomba” stilizzate con tre fiamme (ai lati e sopra). Cinquanta lotti sono consegnati alla Marina Imperiale, probabilmnte destinati al cannone a tiro rapido C/97.
  • 5. Nel febbraio 1899, la nuova designazione C/97.98 è aggiunta sui bossoli. La data precisa della messa in servizio del cannone pom-pom Maxim è sconosciuta ma si può presumere che con i nuovi contratti la produzione sia ricominciata da capo. La produzione cessò nel 1906.
  • 6. Non fu che durante la prima metà del 1915 che 13 lotti furono fabbricati con il nuovo marchio K per Karlsruhe.
  • 7. L’utilizzo crescente di queste armi per impiego contraereo portò al riutilizzo dei bossoli usati, anche riconfezionati più volte. La fabbricazione riprese nel maggio 1918, l’ultimo mese di consegne è settembre di questo stesso anno.
  • 8. L’ultima fabbricazione di bossoli Hotchkiss in germania è del 1933/34 effettuata da Polte (Magdebourg), e durate la seconda guerra mondiale, da Polte (Arnstadt). Si trattava di munizioni con bossolo in acciaio per canne da tiro ridotto della Kriegsmarine. Note:

Per qualche marchio le informazioni sono poco precise e si riconoscono per un “?”. Le lettere AWS intrecciate (Artilleriewerkstatt Spandau) sono rappresentate nel testo separate. I marchi di ispezione governativa AWS 11 e AWS 28 non sono stati ritrovati in altri modelli di bossoli.
I marchi “coronati” Ke e Sp255 sono stati impiegati a Karlsruhe.

  • LORENZ KARLSRUHE
  • LORENZ KARLSRUHE più Marz 1883 4 (D05.1), MARZ 1883 5 (D04.2), JAN. 1885, APRIL 1885, OCT.1885 FEBR.1886 (D04.2), AUG.1886 12, SEPT.1886 18 (D04.2), MARZ 1887 5, SEPT.1887, OCT. 1887, MARZ 1888 2.
  • AWS più 1 JULI 1887, AWS11, 1 JULI 1887, 2 OCTB 1887 (D12.1), 4 JAN 1888 (D04.2), 11 APRIL 1888 (D12.1), 11 APRIL 1888, 16 MAI 1888 (D08), 18 JUNI 1888, 20 JULI 1888, 24 SEP 1888 Ex. “AWS11” (D12.1), 26 SEPT 1888 (D09.2), 34 DEBR 1888 “AWS28”, 35 JAN 1889 “AWS28”, 39 FEBR 1889 “aws28”.
  • AWSP42 MAI 1889 “AWP48”.
  • PATR.-FABR. KARLSRUHE più MARZ 1891, MARZ 1892, FEB. 1895, AUG. 1898 (D04.2)
  • PATRONENFABRIK KARLSRUHE FEB.1900, e 1905 (?)
  • PATRONENFABRIK (bomba) KARLSRUHE (bomba)
  • PATR.-FABR. (bomba) KARLSRUHE (bomba) 896 (D07.2).
  • PATRONENFABRIK (bomba) KARLSRUHE (bomba), più XII 97 7, 1 98 9 (D04.2), 1 98 10 (D04.2), 1 98 11, 1 98 12, II 98 13, VII 98 25 (D05.1), IX 98 31 (D05.1), IX 98 32, IX 98 34, X 98 36, X 98 38, XI 98 42, XI 98 49.
  • C/97.98 (bomba) KARLSRUHE (bomba) II, più 98 (?),II 99 2 (?), II 99 3, II 99 5, II 99 65 (?), III 1900 9 (D04.2), IV 1900 11, VI 1900 15 (D04.2), VII 1900 16 (D08), II 1900 17, X 1900 23, 1900 24, V 1901 30 (D7.2), IX 1901 34, X 1901 35, II 1902 37 (D05.1), VI 1902 41 (D08), VII 1902 43, VII 1902 45, III 1902 46, IX 1902 49, IX 1902 50 (D7.2), X 1902 51, IX 1902 53, XI 1902 54, XII 1902 58, 1903 59 (D04.2), I 1903 60, I 1903 62, I 1903 63, I 1903 6 (D4,2), II 1903 65 (D07.2), II 1903 66 (D05.1), III 1903 66 (Stesso lotto del mese precedente), III 1903 68, IV 1903 69, IV 1903 70, VI 1903 75 (D05...), VI 1903 77, VI 1903 78, VIII 1903 82, VIII 1903 85, IX 1903 86, IX 1903 89 (D05.1), X 1903 92, X 1903 93, X 1903 94, XI 1903 97, XII 1903 98, XII 1903 101 (D07.2 e D08), XII 1903 103, I 1904 104, I 1904 106, I 1904 107, I 1904 108, I 1904 109, II 1904 110, II 1904 111 (D08), II 1904 112, II 1904 113, V 1904 118, IV 1904 119, IV 1904 122, V 1904 123, V 1904 124, V 1904 128 (D06), IX 1904 131, X 1904 133, III 1905 141, IV 1905 142, IV 1905 143, IV 1905 144, IV 1905 145, IV 1905 146, V 1905 148, VI 1905 149, VI 1905 150, VIII 1905 157, IX 1905 162, X 1905 163, X 1905 164, II 1906 175, II 1906 177, II 1906 178, 1906 179, III 1906 180, III 1906 182, IV 1906 184, IV 1906 185.
  • K più 6 MARZ 1915, 7 APRIL 1915 (corona) Ke (D04.2), 8 APRIL 1915 (corona) Ke, 11 MAI 1915 (corona) KE (D04.2), 13 MAI 1915 (corona) Ke (D04.2), 13 MAI 1915 (D04.2).
  • K (data...) Sp255 119A più 1 MAI 1918, 2 JUNI 1918, 5 JUNI 1918, 6 JUNI 1918, 7 JUNI 1918, 8 JUNI 1918, 9 JUNI 1918, 10 JUNI 1918, 12 JUNI 1918, 13 JUNI 1918, 14 JUNI 1918, 15 JUNI 1918, 17 AUGUST 1918, 19 AUGUST 1918, 21 AUGUST 1918 (D07.2), 22 SEPT 1918 (D07.2), 23 SEPT 1918, 25 SEPT 1918 (D07.2) e (D 05.1), 26 SEPT 1918, 45 SEPT 1918 (D07.2).
  • PATRONENFABRIK (bomba) KARLSRUHE (bomba) (data...) 119A più 1914 (D07.2), 1915 (D08), 1916 (D08),1917, 1918.
  • P C/97.98 M più 1933 1, 1933 2, 1934 2, 1934 5, 1934 6.
  • P “M” 1933 5 C/97.98
  • C /97.98 St. M 1942 52

Danimarca

Verso la fine del ‘800 la Danimarca adottò il cannone revolver da 37 mm per la marina. Si ignora se fu adottato anche il pom-pom. Il munizionamento era probabilmente fabbricazione francese.
Proiettili.

  • DK01 Due cinture (superioere 5 mm, inferiore 15 mm separate da 10 mm). Solcato alla base. Falsa ogiva in zinco con fessura per cacciavite.
  • DK02 Identico al precedente ma con falsa ogiva in ottone.

Marchi sul bossolo.

  • (Corona) 05HL 19 oppure (Corona) 05 HL 19 07
  • H (Corona) A 50V.49.19 (DK02)

Gran Bretagna

In Inghilterra la produzione dei cannoni revolver iniziò nel 1884, con Armstrong associato della Hotchkiss. Più tardi, la mitragliatrice Maxim in calibro 37 mm, fabbricata dalla Vickers, fu messa in servizio. La Royal Navy utilizzerà in seguito una versione da 40 mm (2pr MKII) con un bossolo specifico.
Proiettili.

  • GB01.1 Proiettile ordinario (Cartridge Q.F.1-Pr, Mark I) granata in ghisa con spoletta a percussione caricato con 17 gr. di polvere F.G. Due cinture 5mm la superiore e 15 mm l’inferiore separate da 14,5 mm. Scanalatura al fondello.
  • GB01.2 Proiettile ordinario (Cartridge Q.F.1-Pr, Mark II) Identico ma con carica propulsiva di cordite (34,1 gr)

GB01.3 Proiettile ord. (Cartridge Q.F.1-Pr, Mark III) Identico ma con carica propulsiva di cordite MD (33,7 gr)

  • GB02 Proiettile tracciante (Day Tracer Projectile Mark I) Simile al GB01.1 ma riempito di materia tracciante, verosimilmente di fosforo bianco. Spoletta a percussione o falsa ogiva.
  • GB03 Colpo mitraglia (Canister) con cintura larga 3 mm
  • GB04.1 A salve (Cartridge Q.F. Blank 1-Pr, filled Mark I) carico di polvere F.G.
  • GB04.2 A salve (Cartridge Q.F. Blank 1-Pr, filled Mark II) carica propulsiva di cordite.

Marcature sui bossoli.
Nella maggior parte dei bossoli “VSM” (Vickers & Sons - Maxim) si trova dentro un cerchio.

  • V.S.M. 1915 II PDR MK1
  • V S & M dentro un cerchio (colpo mitraglia)
  • 37 M/M VA 1933 (innesco VAD 1933 D1 proiettile VAD 2 PDR)
  • EOC

ItalIa

Sembra che la Marina Italiana abbia utilizzato non solamente il cannone revolver, ma anche dei cannoni a tiro rapido con diverse lunghezze di canna. (1886 L/21, 1889 L/25) Il secondo è menzionato in una libretta di istruzione Austro Ungarica della grande guerra come impiegante un proiettile con spoletta abp. I dati sulla fabbricazione di bossoli in Italia sono sconosciuti. Le caratteristiche richiamano fortemente la produzione della Deutsche Metallpatronenfabrik Lorenz che possedeva una parte delle azioni della Metallurgica Bresciana già Tempini di Brescia nel 1889.
Marcature sui bossoli

  • C.10 03 F.M. LORENZ Brevettato TEMPINI
  • LORENZ Brevettato TEMPINI

Olanda

Nel 1884 la maggior parte delle navi della flotta Olandese erano armate con cannoni revolver Hotchkiss. Dal 1883 al 1900 la ditta Lorenz di Karlsruhe, produsse per l’olanda una grande quantità di bossoli. Dopo la grande guerra continuò senza dubbio per le mitragliatrici pom-pom. Non si dispone di alcuna notizia sui bossoli accorciati (84,5 mm) che sarebbero stati impiegati nelle “Schâlupen-kanone” (barche a vela). Per complicare la catalogazione, esistono due bossoli dall’aspetto bizzarro sui quali si nota una zona convessa di 1 mm di spessore per un diametro di 22 mm sulla base del fondello. Nessuna spiegazione esauriente è stata ancora data. Qualcuno teorizza che possano essere stati impiegati per “prove di carico”, ma queste prove di solito si fanno con bossoli nuovi.
Marcature sui bossoli

  • PATR.FABR.35 HEMBRUG DB 19 (D 04.2) bossolo alto 94 mm
  • PATR.FABR.80 (o 30 ?) DB 19, bossolo alto 83,5 -84 mm con fondello convesso.
  • PATR.-FABR. KARLSRUHE MARZ 1891, bossolo identico al precedente

Norvegia

La Marina norvegese aveva dei cannoni revolver sulle sue vedette lanciatorpedini e anche delle mitragliatrici Maxim sui suoi incrociatori. Disponeva anche di un dispositivi per il tiro ridotto, di origine inglese, per il quale, furono utilizzate munizioni d’esercizio costruite a Rufoss, delle quali l’ultima esaminata é datata 1984.
Proiettili.

  • N 01 Il proiettile di esercizio Raufuss del 1984 è analogo, o quasi, al proiettile ordinario inglese, salvo una falsa ogiva in alluminio. Il corpo è dipinto in blu chiaro ed è marcato 37 MM IK LOT 02 RA-84

'Marcature sui bossoli

  • 37 P (... data...) R, più 1905, 1906, 1908.
  • 37 L/35 P 1911 R.
  • RAUFOSS PATRONENFABRIK più 1913, 1914, 1915, 1916.
  • 37 mm IK L/20 RA 1971 (utilizzato anche nel 1983).
  • 37 mm IK L/20 RA 1984 01.

Austria Ungheria

Le prime prove del cannone revolver Hotchkiss ebbero luogo sul campo di tiro presso Felixdorf, a sud di Vienna nel maggio 1872. Dalla Francia fù importato anche un modello in 47 mm. E’ esistito inoltre, un cannone Hotchkiss da 4,7 cm L33 a tiro rapido che impiegava le stesse munizioni del precedente (spoletta aba o abp) con il bossolo marcato BERNDORF 1902 o WEISS BUDAPEST 1909. Si trova anche un proiettile austriaco da 37 mm identificabile facilmente dal marchio che include il monogramma classico GR (Georg Roht) sulla spoletta del fondello. La Marina Austro-Ungarica utilizzò un cannone a tiro rapido, sulle sue navi e come difesa costiera. La canna era lunga 20, o 23 calibri (L/23 - L/20, fonte incerta), che utilizzava un bossolo da 94 mm, sebbene non si abbiano che vaghe notizie, di un bossolo tipicamente austriaco.
Proiettili.

  • ÖU01.1 Proiettile d’acciaio abp con spoletta in ottone (passo a sinistra) con due cinture di rame di 4,5 mm la superiore e 14,5 mm l’inferiore separate da 24 mm. Solcatura alla base alto 103 mm. Peso del proiettile vuoto 600 gr.
  • ÖU01.2 Proiettile d’acciaio con bottone nel fondello d’acciaio con l’alloggiamento filettato internamente per una spoletta interna. Stesse caratteristiche esterne del precedente, l’inferiore si presenta solcata.

Russia

I primi cannoni revolver da 37 mm Hotchkiss, arrivarono in Russia verso il 1880. Un pò più tardi, un modello a tiro rapido li raggiunse. Queste armi impiegavano delle munizioni da 500 gr. Nel 1918 quasi 4000 cannoni da 37 mm da fanteria erano in servizio. Le loro munizioni non sono conosciute.
Proiettili.

  • R 01 Proiettile d’acciaio lungo 94,8 mm, corona d’ottone larga 12 mm con due solcature. Solcatura alla base spoletta abp in ottone con passo a destra.
  • R 02 Proiettile d’acciaio con due cinture in ottone la superiore larga 6,5 mm e l’inferiore 12,5 mm con due solcature separate tra loro da 12,5 mm Solcatura alla base. Fondello d’acciaio avvitato con passo a destra contenente la spoletta.
  • R 03 Palla lunga 82 mm, due corone in ottone, la superiore larga 6,5 mm e l’inferiore 12,5 mm con due solcature separate tra loro da 12,5 mm. Solcatura molto vicina al fondello
  • R 04 Proiettile esplosivo con spoletta a tempo lungo 95 mm. una sola corona in ottone di 12 mm con due solcature. Solcatura al fondello. La spoletta ha un anello di regolazione zigrinato e numerato.

Marcature sui bossoli.
Le lettere cirilliche sono state qui proposte, con le corrispondenti latine. Le cifre 0,311 e 12 corrispondono alla lunghezza del bossolo (X0,311) e al calibro (X0,12) in frazioni di piede (0,30479 m), misure egualmente impiegate in Russia in quell’epoca.

  • A.I.E. 0. 311-12 R 211 18 ancora 96 II (R 02)
  • A.I.E. 0. 311-12 R 1211 ancora 98 II (R 02)
  • A.I.E. 0. 311-12 R 1 P 18 ancora 99 G (R 02)
  • I.E. 311-12 311 19 (ancora) 10 G F
  • I.E. 311-12 2411 19 (ancora) G F (R 01)
  • I.E. 311-12 2811 19 (ancora) 11 G F (R 02)
  • 3 311-13 A. I. (ancora) 3 1916 (R 03)

Svezia

Alla fine degli anni ‘20 la Svezia provò un carro armato Renault nc 27. Nessun cannone revolver fu adottato. E’ possibile che le munizioni da 37 mm Hotchkiss, fossero prodotte localmente. Si trovano comunque delle tracce di cartucce Hotchkiss francesi con il proiettile abp di origine svedese.
Proiettili.

  • S 01 Proiettile d’acciaio abp. Due cinture la superiore di 5 mm e l’inferiore di 15 mm con la solcatura sepa rate da 14,5 mm. La base e simile ai proietili britannici.

Marcature sui bossoli.

  • STOCKHOLMS VAPENFABRIK

Svizzera

Nel 1921 due carri leggeri Renault furono acquistati per prova dall’armata svizzera, al prezzo di 100.000 franchi francesi al pezzo e inviati a Thoune. Da una foto scoperta da Hugo Ineichen (CH) si sa che furono provati tre modelli di proiettili differenti.

  • Proiettile esplosivo in acciaio Mod. 1916 con spoletta a G Mod. 18 (F 05.1)
  • Proiettile perforante Mod. 1935 (F 10)
  • Colpo a mitraglia Mod. 1908 (F 12.1)

Marcature sui bossoli.

  • A 45 D + 01 (ÖU 02)
  • EIDG.MUNITIONSFABRIK OKT.1925 ALDORF
  • EIDG.MUNITIONSFABRIK FEB.1934 ALDORF

Sud Africa

Fu qui che il pom-pom acquisì il suo “nobile” soprannome. Fù utilizzato durante la guerra dei boeri dentro il Transvaal (RSA), dallo lo stato libero d’Orange, e l’Inghilterra dal 1899 al maggio 1902. I collezionisti Sud Africani hanno descritto i marchi, rilevandoli dalle loro collezioni. Certi possono effettivamente essere stati utilizzati durante la guerra, altri, ed in particolare quelli datati dopo il 1902, possono essere considerati dei “souvenir” della grande guerra.
Marcature sui bossoli.

  • LORENZ KARLSRUHE più FEBR.1886 12, AUG 1886 12, SEP.1886 18.
  • PATRONENFABRIK bomba KARLRUHE (bomba) più I98 12, II 98 13, X98 36.
  • C/97.98(bomba) KARLSRUHE (bomba) più III 1900 9, VI 1900 15, XI 1902 54, I 1903 65, IV 1905 144.

Stati Uniti

L’armata americana nella seconda metà dell’800 aveva in servizio un modello di cannone revolver (con una cartuccia da 120 mm) che fu utilizzato all’epoca delle guerre contro gli indiani. Quattro di questi pezzi parteciparono anche alla battaglia di Wounded Knee, contro i Sioux del capo Big Foot, il 18 dicembre 1890.
Con l’entrata in guerra nel 1917 al fianco degli alleati che durante la guerra avevano utilizzato la cartuccia 37x94 il corpo di spedizione americano fu equipaggiato con il cannone da fanteria M.16 da 37 mm, copia del 37 Mod. 16 T.R. all’inizio impiegando le munizioni francesi e più tardi, quelle fabbricate in America.
La cartuccia Hotchkiss fu anche largamente utilizzata con più tipi di bocche da fuoco, con sistemi di riduzione del calibro per esercizio. Il più vecchio di questi è 1 pounder o 1,457 -in Subcaliber - Gun montato dentro l’anima di un cannone di difesa costiera. Un modello più recente consisteva in una canna M.16 da 37 mm montato su un cannone da campagna da 75 mm. Un modello poteva essere incavalcato sulla canna di un obice da 155 mm per mezzo di un adattatore speciale.

  • 1. Cannone, sottocalibro, 37 mm., M12, (Tipo interno) per il 75 mm Gun Howitzer M1 A1
  • 2. Cannone, sottocalibro, 37 mm., M13, per il 105 mm Gun Howitzer M2A1, M2A2, M4 E M4A1.
  • 3. Cannone, sottocalibro, 37 mm., M14, unicamente per cannone da 90 mm M1, M1A1, (AMTB ... M3).
  • 4. Cannone, sottocalibro, 37 mm., M15, utilizzato con il cannone da 76 mm M1A1.
  • 5. Cannone, sottocalibro, 37 mm., M1916, é la canna del cannone di fanteria M1916 con sistema di rinculo, su diversi affusti (M5, M10 o M13A1), installato principalmente su Howitzer, Pack, 75 mm, M116, l’obice 155 mm M1 o M1A1, l’obice da 155 mm M2, l’obice da 8 pollici M2.

Proiettili.

  • US 01.1 Shell, Fixed, L.E. (Proiettile a basso esplosivo) verniciato di rosso (= basso esplosivo), granata lunga 90,4 mm, abp con spoletta Baldwin Mark I (per piccoli calibri). Carico da 15 g. di polvere nera, carico esplosivo di 35,6 g. di polvere FNH (con lampo, non igroscopica). Innesco a percussione MK11A1.
  • US 01.2 Shell, Fixed,Mk.1, caricato a sabbia, granata da esercizio.
  • US 02.1 Shell, Fixed, H.E. , Mk.II, per il cannone da 37 mm M1916 e cannoni per tiro ridotto, granata esplsiva lunga 113 mm, verniciata di verde oliva con scritte gialle, caricata con 27,2 gr. di TNT. Bocchini sul fondello con spoletta M38A1, lunghezza del bossolo 92,5 mm. Per l'utilizzo nel cannone M1916, la carica esplosiva è di 35,6 gr. di polvere FNH sfusa, e l’innesco é di tipo M23A2.
  • US 02.2 Shell, Fixed, Mk.II, d'Esercizio, per cartuccia d’esercizio Mk.II.Verniciato in blu con scritte bianche. Questo proiettile d'esercizio utilizza una carica esplosiva di 22,6 gr. di polvere nera, la spoletta abp è inerte, tipo Fuze M38.
  • US 02.3 Shell, Fixed, Mk.II01, d'Esercizio per cartuccia d’esercizio Mk.IIA1. Verniciato in blu con scritte bianche, carica propulsiva di polvere nera, la spoletta abp è inerte, tipo Fuze M38.
  • US 03 Shell, Fixed, TP, M63, Mod. 1, w/spoletta, BD esercizio, M58, Granata d'esercizio, cintura di 18,7 mm. di larghezza. Lunghezza 156,2 mm, peso 740 gr. Spoletta BD di esercizio M58, o M5T. Carica propulsiva di 27,2 gr. di polvere senza fumo. Innesco a percussione M23A2.
  • US 04.1 Shell, Fixed, TP, M92, w/spoletta, PD M74, per cannoni a tiro ridotto da 37 mm (spoletta piatta). Peso 544 gr., lunghezza 105,1 mm.
  • US 04.2 Shell, Fixed, TP, M92, w/spoletta, PD, M (?), per cannoni a tiro ridotto (spoletta appuntita).
  • US 05.1 Scatola a mitraglia 1883 con 18 pallottole da 28 gr. ciascuna. Peso della cartuccia 957 gr.
  • US 05.2 Scatola a mitraglia M1, con tre fessure longitudinali, verniciata di nero, contenenti 38 pallottole di piombo. Efficacia a 70 m.
  • US 06.1 Cartuccia a salve a polvere nera.
  • US 06.2 Vecchio modello (10 gauge) con cartuccia a salve di calibro 10 caricata di polvere nera. Nel nuovo modello la polvere nera è rimpiazzata dalla polvere speciale EC per munizioni a salve. Adattatore è detto "Adattatore per cartuccia M1, custodia con tubo centrale camerante la cartuccia di calibro 10.
  • US 07 Cartuccia d’sercitazione M5 , falsa cartuccia d'esercizio, verniciata di nero, fori attraversano il bossolo e il proiettile.

Tipi di bossoli:

  • Mk.1 Primo tipo per cannone da campagna M1916, leggermente più corto (92,5 mm) degli altri. Innesco a percussione MKIIA1, grana da 20.
  • MK.IA1 identico ma adatto all’innesco M23.
  • Mk.IA2 identico al precedente, salvo che con la nuova fabbricazione è lungo e “l’estrattore” (?) allargato.
  • Mk.IA2B1 Bossolo in acciaio con detonatore M23A2.

Marcature sui bossoli.

  • AM LOT 1075-5 37 mm GUN MODEL OF-1916 Lot 1075-10 PEMCo ( innesco WC1075-40) (USA 01)
  • AM LOT 1075-6 37 mm GUN MODEL OF-1916 Lot 1075-13 PEMCo (USA 01)
  • AM LOT 1075-30 37 mm GUN MODEL OF-1916 Lot 1075-86 PEMCo
  • AM LOT 1075-46B 37 mm GUN MODEL OF-1916 Lot 1075-98 PEMCo ristampato MK 1A1 (innesco PA2737-88 M23 A1 1940)
  • AM LOT 1075-60B 37 mm GUN MODEL OF-1916 LOT 1075-59 PEMCo (USA01)
  • AM LOT 1075-71B 37 mm GUN MODEL OF-1916 Lot 1075-76 PEMCo ( innesco W.C. 1075-72) (USA 01)
  • AM LOT 1089-3B 37 mm GUN MODEL OF-1916 1836-1 W.P.S.Co (USA 05.2)
  • AM LOT 1089-6B 37 mm GUN MODEL OF-1916 1836-4 W.P.S.Co (con innesco F 1089 -4)
  • AM LOT 1089-22B 37 mm GUN MODEL OF-1916 1836-26 W.P.S.Co.
  • AM LOT 1089-23B 37 mm GUN MODEL OF-1916 1836-27 W.P.S.Co.
  • AM LOT 1089-32B 37 mm GUN MODEL OF-1916 1836-26 W.P.S.Co.
  • AM LOT 1090-25 37 mm GUN MODEL OF-1916 4114-21 W.P.S.Co.
  • BSC PE&M.Co 37 M/M 5-17 L 664
  • PE&MC. 9-16 27 U.S.A. (con le lettere TPE in cirillico con il proietto USA 01)
  • PE&MC. 5-17 120 (N cerchiata) U.S.A.
  • 37 MM.MK.1A2 LOT F CO-2 FCO1943 (USA 05)
  • 37 MM.MK.1A2 LOT F CO-8 FCO1943
  • 37 MM.MK.1A2 LOT F CO-38 FC.. (con innesco PA-1-43 M23A1 1943).

Integrazioni

Aggiungo delle notizie sui 37x94 italiani, tenendole volutamente separate.
La Marina italiana mise in servizio prima dei cannoni a tiro rapido con due lunghezze di canna. Il Mod. 1886 L/21 e il Mod.1889 L/25. In seguito adottò il cannone revolver. Non sono mancate le canne preparate per essere utilizzate come sistemi per tiro ridotto all’interno di di bocche da fuoco di maggior calibro o fissate sopra la canna. All’inizio della prima guerra mondiale la Marina cedette all’Esercito parte di queste bocche da fuoco. Furono diversamente incavalcate per vari scopi tra i quali il tiro contraereo.
I proiettili da 37 x94 utilizzati sono stati:

  • I 01 Cartoccio a granata da 37. Bossolo costruito con il sistema Boxer proiettile di acciaio con una corona alta 35 mm in ottone. Il fondello si svita (antiorario) e porta fissata la spoletta. L’orlo è svasato e avvitato, si incastra totalmente nel corpo del proiettile due fori permettono lo smontaggio.In uso fino alla fine dell'800.
  • I 02 Cartoccio a palla da 37 identico al precedente non ha però nel fondello l’alloggiamento per la spoletta e viene zavorrato fino al peso della granata con della sabbia.In uso fino alla fine del 1800.
  • I 03 Cartoccio a granata da 37 Proiettile d’acciaio con cintura alta 35 mm in rame. Fondello amovibile porta spoletta. A differenza dei precedenti anche se avvitato sporge e lascia due incavi al bordo per lo smontaggio. Alto 100 mm pesa 480 gr. ed é caricato con 13 gr. di polvere nera. Bossolo in ottone.
  • I 03.1 Cartoccio a granata da 37 Proiettile d’acciaio perforante scarico con profilo detto “a botte”
  • I 03.2 Cartoccio a granata da 37 Proiettile d’acciaio perforante scarico con profilo detto “Hotchkiss”
  • I 04 Cartoccio a palla da 37 Simile ai precedenti, nel fondello però non c’è l’alloggiamento per la spoletta. Pieno sabbia.
  • I 05 Granata da 37 aba Antiaera. Di questa granata si trova traccia solo in una libretta “Breve monografia sui cannoni da 37/ 21 e 37/ 25 Antiaerei ” del 1916. La descrizione è questa: “E’ dotata di spoletta a bocchino anteriore per l’accensione della mistura fumigena e nella parte centrale interna di un trasmettitore a valvola per l’accensione della carica scoppiante.”

Nel 1918 gli italiani aquistarono dalla Vickers di Terni una mitragliera da 40/39, in uso nella marina Inglese, per difesa aerea e dei cannoni semiautomatici da 37/40 - 20,6 che (assieme ai 25,4 V e F) furono inizialmente utilizzati come cannoni aerei e vennero in seguito installati a terra. Il caricamento era manuale, mentre l’espulsione del bossolo era automatica. I 37/20,6 cameravano la cartuccia Hotchkiss mentre gli stessi proiettili (sotto elencati) utilizzati per il 37/40 montavano su un bossolo ben più lungo.

  • I 06.1 Palla da 37 /40-20,6
  • I 06.2 Granata da 37 /40-20,6 con spoletta sensibile
  • I 06.3 Granata da 37 /40-20,6 semiperforante
  • I 06.4 Granata da 37 /40-20,6 a concussione
  • I 06.5 Mitraglia da 37 /40-20,6
  • I 06.6 Esercitazione da 37 /40-20,6


Per quanto riguarda gli altri 37 mm in uso dal Regio Esercito Italiano Sempre nel 1918 fu costruita e adottata la copia del 37 mm Skoda di progetto Austriaco. Prese il nome di 37F. Impiegava un solo tipo di munizione con bossolo, copia della austriaca.

  • I 07 Cartoccio Granata "rimbalzante"
Comments