Contatti

Marcuzzo Bruno

Via Conciliazione, 20 - 30020 Fossalta di Piave (VE)
Mail: artiglieria©ilmio.net

  • Associazioni
    • Armigeri del Piave
    • Museo della Guerra di Rovereto
    • Associazione Storico Culturale Valsugana Orientale e Tesino
    • Tiliaventum
    • Antesigna
    • Amici del Museo di Alano di Piave
  • Progetti
    • ArtiglieriA
    • Censimento Artiglierie
    • Centro Studi Bonifica
    • Tracciati
    • Volontari Ecomuseo Grande Guerra
  • Musei
    • Borgo Valsugana
    • Alano di Piave
    • Rovereto
    • La guerra di Hemingway

Indicazioni per la gestione della corrispondenza:
E' vietato (senza titoli e dotazioni) detenere armi o esplosivi. E' obbligatorio denunciare il rinvenimento di un ordigno o di un arma e fino alla presa in carico da parte delle forze dell'ordine si è responsabili della sua custodia. Avendo notiza di reato il cittadino é tenuto alla segnalazione all'autorità competente pena la correità nell'atto. E' vietata l'istigazione a commetere reati e l'apologia di reato. Avendo chiari questi principi e supponendo siano patrimonio comune, io considero che tutti quelli che mi scrivono si trovino nella perfetta legalità in modo da evitarmi qualsiasi imbarazzo nel rispondere, eventualmente e a chi di dovere, a domande sulla mia corrispondenza ed operato.

Ha scritto:
L'Italia è un paese strano dove, tutto quello che non è regolamentato, per un funzionario è un problema (assunzione di responsabilità) e diventa automaticamente vietato. La legislazione in materia inoltre è stata fatta così bene, da poter essere interpretata al bisogno (da chi ne ha le possibilità). Se ne desume che, a seconda di chi osserva e dai punti di vista da cui si osserva, uno puo essere considerato un terrorista piuttosto che un conservatore. Questo non vuol dire che non si possa fare nulla. Se lavoro per conservare, valorizzare e far conoscere la storia, senza ovviamente violare la legislazione esistente (non l'estensione delle fantasie), no ho motivo di preoccuparmi del mio operato. So comunque che di esso, dovrò rendere conto, prima o poi, quale imputato di "orrendi crimini" contro la pubblica sicurezza. Bisogna partire dal presupposto che quello che lei chiama hobby non è una passione, ma una fede, e per essa bisogna essere pronti alla persecuzione. Se uno accetta quest'idea e si comporta con coerenza sarà capace di cambiare il mondo.

Si può essere appassionati in molti modi e questi dipendono dalla cultura che si ha. Più si conosce più si ama. L'amante non si chiede cosa deve fare. Fa quanto gli è possibile per dedicarsi all'oggetto della sua passione e in questo stà la sua realizzazione. Essere un appassionato di storia significa conoscere, conservare e promuovere. L'oplologo é un appassionato di storia; una branca di storia forse limitata e particolare ma la specializzazione significa anche profonda cultura. Esistono molti modo di essere degli oplologi ma per tutti, la realizzazione stà nel potersi dedicare attivamente allo studio e alla conservazione della storia e della tecnica militare. L'oplologo, di qualsiasi livello culturale, crede che quello che fa sia importante. Che conservi una crosta arrugginita, salvandola dalla naturale distruzione, o scriva su di un argomento dopo averlo approfondito, per fissare e trasmettere le sue esperienze, crede che quello che stà facendo sia importante. Eckhart scrisse: "Gli uomini non dovrebbero tanto prendere in considerazione ciò che devono fare, quanto ciò che sono." Se conosco la mia natura e credo in ciò che sono, le mie attività saranno tese alla mia realizzazione. Essere attivi è dunque un imperativo assoluto per un appassionato. ... darsi ad una passione, significa anche assumere la responsabilità di tutelarla in prima persona.